ARTRITE REUMATOIDE: perchè?

Questa malattia, di cui si ha traccia sin dall’antichità dall’esame di reperti ossei, consiste nel consumo anomalo ed abbondante delle cartilagini il cui risultato finale è lo sfregamento osso contro osso, cosa che crea dolore anche intenso. Non è chiaro il motivo per cui tale processo avviene: taluni ricercatori lo attribuiscono a cause genetiche, ma una chiara ed evidente causa non è ancora stata trovata.

Si tratta di una malattia cronica, cioè senza possibilità di guarigione, ma che si cerca di tenere a bada. Colpisce le donne in prevalenza, in rapporto di quattro a uno, e l’età nella quale statisticamente si viene colpiti, è tra i trenta ed i quarantacinque anni. Sovente è un artrite reumatoidesintomo simmetrico che colpisce entrambi gli arti: i polsi, le ginocchia, le mani, le caviglie. Crea, oltre che dolore, anche gonfiore e rigidità nelle articolazioni, soprattutto al mattino. È possibile registrare febbri, anemia e debolezza muscolare.

Lo scheletro rappresenta la nostra impalcatura di sostegno con la quale stiamo eretti e possiamo muoverci agilmente nella vita e nel nostro mondo. Sono la nostra sicurezza, la possibilità di “stare sulle proprie gambe” o andar via da una situazione che non ci piace. I muscoli aiutano il movimento che rigidità e gonfiore bloccano o riducono, la febbre rappresenta rabbia inespressa.

La personalità di un individuo che accusa l’artrite reumatoide è una persona che si sente generalmente insicura nella vita, che non avverte di avere solide basi. Esse sono rappresentate, in età infantile ed adolescenziale, dal rapporto con la mamma in particolare e con la propria famiglia di origine, oltre che la casa nella quale si è nati e cresciuti ed infine la relazione col denaro, se era disponibile per le necessità oppure no.

Si tratta, comunque, di percezioni soggettive dell’individuo, non esistono livelli validi per tutti. Quindi potrebbe non essersi sentito a casa, quella strana, ma chiara sensazione che ci fa stare bene, tranquilli e protetti. Oppure la relazione con i genitori potrebbe essere stata vissuta come punitiva, a volte violenta, o ancora la sensazione che mancassero denari per vivere decorosamente. In pratica la casa natia non era vissuta come un luogo tranquillo e protettivo e la conseguenza può portare a non avvertire solide basi nell’età adulta.

Non dovrebbe meravigliarci se la vita di questi individui dovesse metterli a contatto con persone o situazioni che vadano a richiamare momenti od episodi passati, situazione che andrebbero ad accrescere la sensazione di incertezza o di insicurezza, persino di paura a cui l’individuo potrebbe reagire impedendosi di andarsene via, allontanarsi. Diventerebbe una gabbia di paura, che avrebbe, come contropartita, vivere in una situazione conosciuta che offre sporadiche, ma sicure certezze.

La reazione di fondo è la creazione di rabbia accorgendosi di vivere in una simile situazione poco gradevole.

Se il sintomo fosse presente prevalentemente alle mani o ai polsi potremmo aggiungere che l’individuo, sempre sulla scorta di un’insicurezza di fondo, si sta impedendo di prendere soddisfazioni dalla vita

La soluzione passa attraverso un incremento della propria sicurezza personale, magari anche un miglioramento della relazione con la mamma o con la famiglia di origine, veri pilastri della nostra sicurezza.

Esempi reali.

Donna di circa quarant’anni, artrite generalizzata. La relazione con la mamma era molto difficile poiché era una donna molto forte che diventò vedova prematuramente. Questo fatto accentuò il suo carattere autoritario che scaricò sulla figlia.

artrite reumatoideDonna di trent’anni con artrite reumatoide soprattutto alle mani. In età infantile si sentì quasi ignorata dalla famiglia, ma in compenso doveva fare fronte a tutte le incombenze domestiche, una vera moderna Cenerentola.
In età adulta i suoi partner furono dei padri/padroni che la spinsero a proseguire in quel modello di vita. Nel suo caso la situazione migliorò molto cambiando casa, spostandosi molto lontano e dimostrando amore per se stessa anche grazie ad un percorso di sviluppo della personalità.

 

 

 

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.